Servizi

Se parliamo di Nespolo lo Giullare parliamo innanzitutto di una modalità di lavoro: un professionista al vostro servizio per ogni esigenza di spettacolo e animazione

Ogni intervento viene concordato e costruito ad hoc sulla base delle esigenze specifiche del cliente, delle caratteristiche della location e del tipo di pubblico e di contesto.

 

Nespolo ha un’esperienza più che ventennale nel corso della quale ha costruito un vasto repertorio di numeri, virtuosismi, canzoni, poesie, barzellette e storie con cui divertire il pubblico e rendere speciale ogni evento. 

I contenuti degli interventi sono appropriati alla situazione e possono essere rivolti a gruppi di bambini, famiglie o adulti.

Il servizio di Nespolo è adatto a feste e cene medievali, rievocazioni storiche, feste private o aziendali, cerimonie, spettacoli di piazza per feste di paese, centri commerciali, festival o rassegne estive. 

In questo video una descrizione più dettagliata:

Il servizio è disponibile con i seguenti personaggi:

Il Principe Ranocchio

É la storia di un principe trasformato in ranocchio che vagando di loco in loco cerca da una qualsiasi principessa il bacio fatato per cambiare la sua sorte. Oppure è la storia di un giullare medioevale che crede di essere un ranocchio e “cerca il bacio della principessa” sfruttando la scusa in ogni evenienza. Tutto il gioco teatrale gravita attorno a questa idea studiata apposta per coinvolgere e incantare gli spettatori. Con giochi di alto equilibrismo, acrobazie squinternate e giocolerie disordinate affascinerà la principessa scelta tra il pubblico e la farà innamorare con poesie dantesche e del Lentini per riuscire, infine, a strapparle un bacio. 

Lo spettacolo ha una strutturazione scomponibile. 

I costumi e gli oggetti di scena sono rigorosamente storici e ricalcano perfettamente il modello del Giullare italiano del XV secolo, per questo non porta punte nel cappuccio come tipico della tradizione anglosassone e si appropria di caratteristiche animali.

Questo personaggio è il più antico tra quelli di Nespolo ed è quello che gli ha portato maggior successo nel mondo.

Ape Tito

Con questo personaggio il giullare si appropria delle caratteristiche di  un’ape particolare di nome Tito, per mettere in scena la fame, un bisogno fondamentale per l’uomo del medioevo, che ritroviamo nelle maschere della Commedia dell’arte e che ancora oggi è assurdamente presente. Rappresentato comicamente da questo eccentrico personaggio ronzante, “l’appetito” sarà il protagonista. Una necessità capace di scatenare i più bassi e folli istinti in ognuno di noi.

Cercamon la Volpe

“Anno 0: Nazareth, Maria ha appena ricevuto l’annunciazione, l’Angelo Gabriello salta in aria controvento, spalanca le maestose ali. Tentenna. Come la nave quando la vela si gonfia al vento. In quel momento dal suo folto manto si stacca una piuma. Una piuma che i monsoni d’oriente si portarono lontano…

AD 1324: Un certo Frate Cipolla di Val D’Elsa ritrova quella piuma e ne scopre virtù Divine.

AD 1485: Cercamon detto La Volpe, non di certo per la sua furbizia, ma per l’abilità di camuffarsi e nascondersi quando si mette nei guai, dice di aver trovato quella piuma vantando abilità divine”.

Giullare Uncinetto

Un altro personaggio giullaresco con un costume elegante per le situazioni di taglio medievale più raffinate. Il costume forgiato dalle mani dell’attore dà vita ad un eccentrico personaggio, un giullare a modo.

Aigor

Questo personaggio è ispirato al film Frankenstein Junior di Mel Brooks (Young Frankenstein). Le caratteristiche fisiche del personaggio interpretato dal grande comico Marty Feldman si sposano con le caratteristiche fisiche di Manuel Bruttomesso. Egli ripropone questo personaggio dove la bruttezza regna sovrana.

Aigor è già stato protagonista di alcune visite guidate speciali al Museo Nazionale del Cinema di Torino e di altri eventi di piazza e privati e finora ha sempre riscosso apprezzamenti da parte del pubblico.

Si adatta particolarmente bene a eventi horror e a feste di Halloween.

Bell Boy

Gustavo è un Bell Boy o Lobby Boy, ovvero il garzoncello al servizio di un Grand Hotel. Lo stile del costume è dei primi del novecento e si ispira liberamente al famoso film The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson. Questo personaggio nasce grazie ad una serie di eventi aziendali e dall’esigenza di un personaggio comico di taglio lussuoso. 

Adatto ad un pubblico internazionale, si avvale di una comicità mimica ed è particolarmente adatto per la gestione degli ospiti nell’ambito di grandi eventi. Gustavo è il perfetto servo di scena, ha un carattere timido e può apparire imbranato, ma è un instancabile lavoratore che si impegnerà al massimo per accontentare i suoi superiori. È così che scopre di avere dei talenti speciali che gli portano consensi e ammirazione e che lo trasformano in un personaggio istrionico capace di virtuosismi spettacolari. Gustavo è un bell boy a cui non si può non volere bene, ci si affeziona subito perché ci fa entrare nel suo mondo psicologico con grande candore e semplicità.